Esercizi spirituali per famiglie – Estate 2014

Esercizi spirituali per famiglie: cosa significa?

Significa concedersi una settimana “privilegiata”, durante la quale mariti e mogli possono trovare, nel corso delle giornate, tempi per pregare, con calma e serenità, partendo dall’ascolto della Parola di Dio, seguendo gli spunti offerti dai padri gesuiti e dalle altre guide spirituali, e trovando anche un tempo di confronto col proprio coniuge.

I Padri e le altre persone delle équipes saranno disponibili per colloqui individuali nel corso della settimana. I figli vivono insieme ai genitori l’esperienza di un momento speciale di relazione con Dio, che costituisce un’occasione nuova anche per la vita quotidiana. Per loro sono previsti giochi e attività in linea con lo spirito e i contenuti che accompagnano il percorso dei genitori, con occasioni di condivisione della famiglia unita.

Scarica il volantino

Dove e quando?

TOSCANA, Alpe di Poti, prov. Arezzo al Villaggio del Sacro Cuore, a circa 1000 m di altitudine, gestito dalle Piccole Ancelle del Sacro Cuore.
Periodo: 11 – 17 agosto
Guide: P. Carlo Chiappini sj e Suor Daniela Littamè.
Per informazioni e iscrizioni, contattare:
Cristina e Andrea Melchionna, tel. 3282772555
andrea.melchionna@libero.it

SARDEGNA, Pozzo di Sichar, Capitana, prov. Cagliari nella Casa dei Gesuiti, in autogestione.
Periodo: 3 – 9 agosto*
Guide: P. Enrico Deidda sj e Suor Carla Corbella.
Per informazioni e iscrizioni, contattare:
Valeria e Tonino Usai, tel. 3389127011
mavato@tiscali.it

* la settimana successiva è possibile restare nella casa, in autogestione, per un periodo di vacanza.

PIEMONTE, Villa Santa Croce,  S.Mauro Torinese, prov. Torino nella Casa dei Gesuiti, in autogestione.
Periodo: 24 – 30 agosto
Guide: P. Giancarlo Gola sj , P. Giuseppe Giordano sj.
Per informazioni e iscrizioni, contattare:
Stefania e Andrea Fuso, tel. 3341770397
fuso.andrea@gmail.com

LOMBARDIA, Comunità Raggio di Sole,  Pasturo, prov. Lecco in Valsassina, a circa 600 m di altitudine, in autogestione.
Periodo: 24 – 30 agosto
Guide: Don Augusto Bonora, Suor Germana Azzimonti,
Guia Sambonet
Per informazioni e iscrizioni, contattare:
Laura e Maurizio Colombo tel. 3284656237
colombofamily99@gmail.com

CALABRIA, La Casa sulla roccia,  Castiglione Cosentino, prov. Cosenza nel Centro di spiritualità familiare, gestito da una coppia di coniugi.
Periodo: 23 – 30 agosto
Guide: P. Mario Farrugia sj e Suor Lucia Cima.
Per informazioni e iscrizioni, contattare:
Serena e Massimo Di Paola, tel. 3208285251
dipaola.family@alice.it

CAMPANIA, Villa S.Pietro a Cesarano, Mugnano del Cardinale, prov. Avellino presso il Centro Pastorale Giovanni Paolo II, gestito dalle suore.
Periodo: 16 – 19 luglio
Guide: P. Alessandro Piazzesi sj.
Per informazioni e iscrizioni, contattare:
Cinzia e Peppino Dell’Aversana, tel. 3381040944
peppinoecinzia@alice.it

Scarica il volantino
Quanto costa?
Il costo varia a seconda delle sedi, anche in base alla presenza o meno dell’autogestione. Oscilla tra i €35 e i €40 al giorno per ogni adulto e circa la metà per i bambini sopra i 3 anni.
La spesa per la permanenza dell’équipe dei religiosi viene suddivisa tra tutti i partecipanti. In base all’organizzazione dei bambini, ci potrà essere un’offerta per gli animatori.
Tutti i dettagli delle quote saranno chiariti dai referenti di ciascuna sede.  Al momento dell’iscrizione, è richiesto il versamento di un anticipo di 100 euro.
Eventuali problemi di costo non devono essere un ostacolo a partecipare. Segnalateli.

Come iscriversi?

Contattate le coppie di riferimento, per informazioni e per qualsiasi chiarimento sull’esperienza. L’iscrizione dovrà avvenire entro il 15 maggio, inviando alle coppie di riferimento la scheda di partecipazione e l’anticipo di 100 euro, secondo le modalità concordate con loro.

Cosa serve per pregare?
La Bibbia, un blocco per appunti, penna. E’ fondamentale aiutarsi l’un l’altro a mantenere un clima di silenzio. NB: Questo non è un viaggio organizzato in agenzia o da altra struttura. Siamo famiglie che desiderano allargare ad altre famiglie una esperienza che le ha segnate positivamente. Il tutto in amicizia e collaborazione con P. Enrico Deidda sj e le altre Guide che negli anni ci hanno accompagnati. Questo comporta fra l’altro che, fatta eccezione per le strutture in Toscana, Campania e Calabria, cerchiamo di “autogestire” alcuni aspetti delle attività quotidiane. Le attività dei fgli vengono organizzate con l’aiuto a volte di qualche collaboratore esterno, ma soprattutto di qualche genitore. La collaborazione dei partecipanti in termini di disponibilità libera secondo le possibilità di ciascuno è quindi un ingrediente fondamentale.

Come si svolgono le giornate?

Struttura “tipo” della giornata:

– ore 8,00 possibilità di recitare le lodi insieme
– ore 8,30 colazione
– ore 9,15 incontro per i punti e le tracce per la preghiera personale
– dalle 10,00 alle 12,00 tempo per la preghiera personale e di coppia
– ore 12,30 pranzo bimbi ore 13,00 pranzo genitori a seguire tempo di riposo
– ore 15,30 istruzioni per la preghiera
– dalle16,00 alle 17,30 tempo per la preghiera personale
– ore 18,30 la “stella”: le famiglie si riuniscono per condividere il percorso della giornata
– ore 19,00 S. Messa
– ore 19,45 cena insieme
– ore 21,30 preghiera o attività serale
(gli orari possono subire variazioni da sede a sede)

E i bambini cosa fanno nel frattempo?

La presenza della famiglia al completo permette di fare un’esperienza di Dio “calata” nella realtà che ciascuno vive quotidianamente. E’ anche importante che i fgli vedano i genitori pregare e pregare insieme, ed imparino a rispettarli in questo, anche se non sempre possono capire davvero cosa ciò signifchi.
Ci sono due fasce orarie, la mattina e il pomeriggio, in cui si organizza l’animazione dei figli, per consentire ai genitori di raccogliersi con tranquillità.
Al di fuori di questi orari ogni famiglia seguirà i propri fgli e avrà tempo per loro.
Alcune coppie si occuperanno di impostare nei mesi precedenti il lavoro di animazione per i bimbi, cercando di realizzare, in alcuni momenti, un percorso parallelo a quello dei genitori.
Secondo le necessità, durante la settimana è chiesta la partecipazione dei genitori all’animazione dei bambini, in base a turni concordati. Quando è possibile si gode del supporto di giovani volontari, il cui lavoro va comunque integrato. I momenti di animazione insieme permettono di aumentare la fraternità e l’unione.
Le famiglie partecipanti si terranno in stretto contatto nei mesi precedenti per scambiarsi informazioni e per prepararsi all’esperienza.
NB: si considera, in ogni caso, che i bambini sotto i tre anni siano seguiti personalmente dai genitori.

 

Scarica il volantino

Rispondi